Startup, in Italia 180 milioni di investimenti nel 2016

Oltre il teatro dell’innovazione. Osterwalder e il segreto di Amazon
12 ottobre 2017
Upidea!
Upidea! Aperto il bando per le startup dell’Emilia Romagna
16 ottobre 2017

Nel 2016 sono stati effettuati circa 180 milioni di euro di investimenti in startup: il confronto con la Francia, dove gli investimenti sono stati pari a 1,4 miliardi negli stessi 12 mesi, è impietoso. Ed è contenuto nel Quaderno Aiaf “Startup in Italia: mercato, valutazioni ed exit”, presentato il 12 ottobre a Roma dall’associazione degli analisti e dei consulenti finanziari e riassunto dal Sole 24 Ore oggi in edicola.

Quaderno Aiaf: i numeri

Questi i numeri principali che emergono dallo studio di Aiaf. In Italia sono censite oltre 7mila startup, il 50% delle quali chiude dopo 5 anni di attività. La maggioranza di esse, rileva la ricerca, è creata da persone già in carriera, in particolar modo nel settore dell’information technology.

Nel 2016 in Italia sono stati effettuati circa 180 milioni di investimenti in startup, rispetto a 1,4 miliardi in Francia. Nel triennio 2014-2016 il venture capital ha apportato al sistema 330 milioni di euro. I ricavi medi di una startup italiana si attestano a 133mila euro, con Ebitda negativo del 25%, una media degli investimenti pari a 61mila euro.

Se il mercato dei venture capital non è ancora molto sviluppato – il principale attore è LVenture Group come abbiamo visto in una recente mappa pubblicata da CB Insights – il mercato finanziario è la principale fonte di liquidità. I debiti finanziari ammontano mediamente a 54mila euro per startup, secondo il Quaderno Aiaf. Come è composto questo debito? Per la maggior parte dal Fondo di garanzia per le Pmi (417 milioni), seguito da Invitalia (118 milioni) e dai fondi Sme Instrument (22 milioni).