Smart Robots, l’intelligenza artificiale che sposa uomini e macchine

Tutela della proprietà intellettuale, l’Italia arranca ancora
20 luglio 2017
Il paradosso dell’ICT, 85mila posti di lavoro entro il 2018 ma mancano le competenze
20 luglio 2017

Mappare lo spazio in tempo reale, riconoscere gli oggetti, i gesti delle persone, interagire con esse adattando i movimenti dei robot a cui è connesso. Tutto in un unico dispositivo di dimensione e peso contenuti, esterno al robot, che rivoluziona il concetto di cobot, il robot collaborativo: la «cooperazione» non più applicata al singolo rapporto tra operatore e robot, ma all’intero ambiente di lavoro grazie a una sorta di «occhio intelligente» in grado di capire all’istante quanto sta accadendo nell’area che viene tenuta sotto controllo.

A offrire la soluzione che facilita l’interazione uomo-macchina, punto chiave della sfida di Industry 4.0, è Smart Robots, società creata all’interno dell’enterprises factory e-Novia che ha messo a punto una tecnologia in grado di gestire al meglio un ambiente in cui lavorino fianco a fianco operatori umani e robot unendo le capacità di percezione e intelligenza.

Un’idea rivoluzionaria

Alla base della startup italiana nata appena qualche mese fa come spin off del Politecnico di Milano c’è un’idea rivoluzionaria. «Sfruttando l’uso combinato di sensori avanzati – spiega Carlo Ongini, co-founder dell’impresa che di recente è stato selezionato tra i dieci migliori innovatori italiani under 35 dalla prestigiosa Mit Technology Review – Smart Robots consente infatti la rilevazione del movimento umano, il riconoscimento degli oggetti e la percezione ambientale. L’interpretazione continua dell’ambiente rende in questo modo i robot più flessibili nella variabilità di configurazione e nella reazione a cambiamenti improvvisi. E l’uso combinato del riconoscimento di comandi vocali, gesti e interazione umana permette nuove forme di interazione sia in fase di programmazione sia in fase operativa. L’intelligenza artificiale integrata in pratica è in grado di riprogrammare le azioni in tempo reale per ottimizzare l’efficienza della postazione di lavoro. Le azioni da eseguire vengono insegnate al robot in maniera intuitiva, integrando riconoscimento gesti, oggetti, guida manuale e auto apprendimento. Il tutto senza alcuna interfaccia fisica».

Una soluzione, quella realizzata da Smart Robots, in grado dunque di spingere in avanti la frontiera della collaborazione fra uomini e macchine, a partire da un solido background scientifico unito a un know-how industriale: la flessibilità, l’autonomia e l’intelligenza dell’uomo interagiscono e si integrano con l’efficienza, la programmabilità e la precisione dei robot.

«Smart Robots – commenta Vincenzo Russi, ceo di e-Novia – è il contributo fattuale della nostra Enterprises Factory al piano Industria 4.0 lanciato in Italia dal ministro Carlo Calenda. Multisensors Fusion, Artificial Perception, Human Robotic Interface costituiscono la frontiera sulla quale abbiamo inventato una soluzione che portiamo sul mercato a sostegno delle piccole medie imprese tipiche del nostro tessuto produttivo».