ICT, robot e digitale: l’Istat fotografa il gap tra piccole e grandi aziende

Biosphera Equilibrium, la casa efficiente che ricarica l’auto (elettrica)
23 gennaio 2019
Brasimone: un polo dei radiofarmaci per la cura dei tumori nel centro Enea
25 gennaio 2019

L’Istat nel suo rapporto annuale “Cittadini, imprese e ICT” per il 2018 fotografa il tasso di utilizzo delle tecnologie a casa e in azienda. Concentrandoci sul mondo dell’impresa, emerge chiaro in gap tra le piccole aziende e quelle più grandi e strutturate.

«È ampio il divario tra grandi e piccole imprese nel livello di digitalizzazione (Digital intensity indicator) – si legge nel rapporto -. Elevati livelli (“Alti” o “Molto alti) sono presenti nel 44,0% delle imprese con almeno 250 addetti e solo nel 12,2% delle imprese da 10 a 49 addetti».

Quanti robot in azienda

Quanti robot ci sono azienda? Tra le piccole imprese (tra 10 e 49 dipendenti) la robotica è utilizzata nell’8,7% dei casi, mentre tra le grandi imprese (con più di 250 addetti) si arriva al 26,2%. Un dato quest’ultimo superiore alla media dei Paesi dell’Unione europea in cui il dato medio è del 26% per le grandi aziende.

Nei settori dove i robot sono direttamente utilizzati a supporto dell’attività produttiva, il loro impiego è più consistente, come nel settore della fabbricazione di mezzi di trasporto (41,4%) e tra le imprese con almeno 250 addetti del settore manifatturiero (circa 60%).

Stampanti 3D

Per quanto riguarda le stampanti 3D il rapporto è simile: le utilizzano il 4,4% delle imprese considerate, ma il dato cresce ad un quarto del totale nell’ambito delle imprese del settore della fabbricazione di mezzi di trasporto (25,4%), circa tre imprese su dieci attive nella fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica e la stessa proporzione in quelle con almeno 250 addetti del settore manifatturiero.

AAA informatici cercansi

L’incidenza degli specialisti ICT in azienda è pari al 16,1% nelle società con almeno 10 dipendenti. L’Istat qui conferma la “fame” (e la carenza) di professionalità italiane di cui già abbiamo scritto più volte. Quasi tre imprese con almeno 250 addetti ogni quattro (71,8%) hanno dichiarato di avere specialisti informatici tra il personale interno.

Cresce la quota di grandi aziende che ne hanno reclutati di nuovi o hanno tentato di farlo: è il 35% nel 2018, era il 31% nel 2017, 29,8% nel 2016 e 26,6% nel 2015. Tra le piccole, invece (10-49 addetti) questo trend non si vede: solo il 4,3% ha assunto o ha cercato specialisti informatici, dato fermo da tre anni.

Ma trovare queste figure è sempre più difficile. Rispetto all’anno precedente aumenta la quota di grandi imprese che dichiarano di aver avuto difficoltà a ricoprire i posti vacanti di specialisti ICT (15,7% delle imprese con almeno 250 addetti contro il 2,3% di quelle con 10-49 addetti).