Yape, il robot italiano che accompagna i passeggeri al gate

Travel management, pass europei, disabili: le 10 startup turistiche finanziate da Invitalia
1 ottobre 2019
Competence center, da Nordest arrivano i primi soldi per le aziende
4 ottobre 2019

Yape debutta negli aeroporti. In un periodo di test iniziato il 26 settembre, Fraport – il gestore dell’aeroporto di Francoforte (FRA) – e la “Fabbrica di Imprese” made in Italy e-Novia hanno messo alla prova il veicolo a guida autonoma YAPE nelle aree di transito dell’aeroporto. Per cinque giorni il robot ha accompagnato con successo i passeggeri ai gate, aiutandoli a trasportare il bagaglio a mano.

YAPE (“Your Autonomous Pony Express”) è un robot in grado di effettuare piccoli trasporti e consegne, che opera grazie all’Intelligenza Artificiale. È sviluppato da Yape Srl, una società di e-Novia: la Fabbrica di Imprese che promuove, costituisce e sviluppa società innovative ad alto valore tecnologico.

«Come leader nel campo dell’innovazione, ci impegniamo costantemente per promuovere nuove tecnologie digitali che possano migliorare l’esperienza di viaggio dei nostri passeggeri», ha dichiarato Alexander Laukenmann, responsabile degli Airside e del Terminal Management del Fraport AG. «Il nostro obiettivo con YAPE è testare quali aspetti dell’intelligenza artificiale e della robotica possono aiutarci a migliorare ulteriormente la qualità dei servizi all’interno dell’aeroporto di Francoforte».

«Yape può essere impiegato nei contesti più diversi. Dopo i test con Japan Post in Giappone e quelli condotti negli Stati Uniti in collaborazione con un importante operatore della distribuzione su larga scala, YAPE mostra oggi tutto il suo potenziale operando all’interno di un importante polo aeronautico: il traffico aereo rappresenta uno dei principali motori dell’economia globale. Grazie alla nostra esperienza nel campo dell’Intelligenza Artificiale e della robotica – di cui Yape è uno dei migliori esempi – e-Novia sta sviluppando nuove soluzioni per la mobilità intelligente e la consegna dell’ultimo miglio», ha dichiarato Vincenzo Russi, CEO di e-Novia.

I coordinatori del progetto hanno monitorato YAPE durante i test effettuati nel Corridoio A del Terminal 1 dell’Aeroporto di Francoforte. I passeggeri hanno depositato i bagagli a mano nel vano contenitore e hanno seguito YAPE che li ha guidati verso i loro gate. In questa fase iniziale, è stata utilizzata una app per interagire con il robot attraverso lo smartphone.

YAPE può trasportare fino a 30 chilogrammi a una velocità di circa 6 chilometri all’ora in ambienti chiusi. Il veicolo a guida autonoma monta dei sensori che rilevano l’ambiente circostante e gli consentono di aggirare gli ostacoli: considerati gli oltre 69 milioni di passeggeri che transitano ogni anno nell’aeroporto di Francoforte, i terminal affollati rappresentano una sfida impegnativa. Durante i test, YAPE è stato in grado di muoversi agevolmente grazie al suo sistema di navigazione integrato; nella fase successiva potrà interagire autonomamente con i passeggeri riducendo ulteriormente il carico di lavoro del personale.

YAPE ha già dimostrato la sua affidabilità nelle consegne sia in ambienti interni che esterni durante la prima sperimentazione condotta nel dicembre 2018 da e-Novia e Japan Post. Il risultato di ulteriori test determinerà se e quando YAPE entrerà in servizio permanente all’aeroporto di Francoforte.

Che cos’è e-Novia

e-Novia è una «Enterprises Factory», che trasforma ricerca in prodotto, ricercatori in imprenditori, startup in imprese. La “Fabbrica di Imprese” quindi promuove, costituisce e sviluppa società innovative, ad alto valore tecnologico, attraverso la valorizzazione delle proprietà intellettuali sviluppate in collaborazione con i principali istituti di ricerca italiani e con le corporate internazionali e veicolati in progetti di start up attraverso la propria «linea produttiva» composta da due «anime»: la Invention Foundry e la Enterprise Foundry. La prima trasforma proprietà intangibile in invenzioni tangibili, la seconda trasforma invenzioni in imprese innovative. Al suo interno lavora un pool di circa 120 ingegneri (260 con tutte le imprese controllate e partecipate), designer e business expert, che vantano un know-how negli ambiti Sensing (Computer vision, Artificial Perception e Natural Language), Reasoning (Artificial Intelligence, Multi Sensor Fusion, Advanced Correlation Algorithms, Autonomous Decisions) e Acting (Human-Robotics Interaction, Smart Motion, Mechanic Biwiring). Oggi il portfolio di imprese di e-Novia conta 30 enterprises, tra controllate e partecipate, attive nelle aree strategiche della Collaborative Mobility, Humanized Machine, Augmented Human.

Inserita nel 2018 e nel 2019 dal Financial Times tra le mille aziende europee che sono cresciute più velocemente negli ultimi tre anni e dal Inc. tra le cinquemila aziende europee a più rapida crescita, e-Novia continua a produrre numeri significativi, dai ricavi agli investimenti passando per il personale assunto, le imprese e i brevetti. I capitali raccolti dalla sua nascita ammontano a 65 milioni: oltre 30 i progetti lanciati, 40 i brevetti. Inserita da Borsa Italiana nel programma Fast Track, e-Novia punta ora alla quotazione in Borsa: la finestra utile per l’operazione si aprirà a giugno 2020.