VentureEU: l’Europa investe 410 milioni nei capitali di rischio per le startup

Salone del mobile, le 13 startup in mostra a Palazzo Giureconsulti
17 aprile 2018
Videogiochi, un business da 1 miliardo e mezzo (ma pochissimi restano in Italia)
19 aprile 2018

Commissione europeaLa Commissione europea e il Fondo europeo per gli investimenti lanciano VentureEU, un programma paneuropeo che punta a stimolare gli investimenti nelle startup e scale-up innovative in tutta Europa. Lo fa coinvolgendo sei fondi di capitali di rischio, che riceveranno finanziamenti per 410 milioni di euro con l’obiettivo di stimolare la raccolta di investimenti pubblici e privati fino a 2,1 miliardi di euro.

Con il previsto effetto moltiplicatore, queste azioni dovrebbero portare a circa 6,5 miliardi di euro di nuovi investimenti nelle startup e nelle scale-up innovative in tutta Europa. In questo modo sarà raddoppiato il totale dei capitali di rischio attualmente disponibili nel continente.

Così Bruxelles punta a risalire la china del capitale di rischio che vede il vecchio continente arrancare rispetto ad altre aree del mondo: nel 2016 il capitale di rischio investito nei Paesi dell’Unione è stato di circa 6,5 miliardi di euro, contro i 39,4 miliardi di euro investiti negli Stati Uniti. Inoltre secondo le analisi della Commissione i fondi europei soffrono di nanismo rispetto a quelli attivi sull’altra sponda dell’Atlantico: in media dispongono di 56 milioni di euro, rispetto ai 156 milioni negli Stati Uniti.

VentureEU offrirà nuove fonti di finanziamento e permetterà agli innovatori europei di trasformarsi in imprese leader a livello mondiale. Si stima che saranno 1500 le startup e scale-up che vi avranno accesso in tutta l’Unione Europea.

L’UE fornirà investimenti cardine fino a 410 milioni di euro comprendenti 67 milioni di risorse proprie del FEI, 200 milioni provenienti da Orizzonte 2020 (strumento InnovFin per il capitale), 105 milioni da COSME (il programma europeo per le piccole e medie imprese) e 105 milioni dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) – il cosiddetto piano Juncker. Gestori di fondi selezionati si occuperanno di ottenere il resto dei finanziamenti da investitori indipendenti.

I sei fondi investiranno in una serie di piccoli fondi e ognuno finanzierà progetti in almeno quattro paesi europei. Tali piccoli fondi di investimento contribuiranno al finanziamento di piccole e medie imprese (PMI) e imprese a media capitalizzazione in vari settori come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), il digitale, le scienze della vita, le tecnologie mediche e l’efficienza energetica e delle risorse.

Gli investimenti dell’UE in VentureEU saranno gestiti dal FEI sotto la supervisione della Commissione e saranno dispiegati da sei gestori di fondi di provata professionalità ed esperienza che garantiranno un approccio pienamente orientato al mercato. In questo modo si attrarrà un numero maggiore di investimenti e si aumenterà significativamente la disponibilità nell’UE di finanziamenti in capitale di rischio per le startup e le scale-up.