Università, la classifica internazionale. il Politecnico di Milano guida la pattuglia italiana

G-Factor, atto secondo: un altro milione di euro per imprese e startup del settore life science
17 giugno 2019
Storie di economia circolare: ecco l’auto che va a Tavernello
20 giugno 2019

Trentaquattro università italiane nelle prime mille, settimo Paese più rappresentato. Con un trend generale abbastanza in crescita. Il Qs World Ranking University 2020, ovvero una delle classifiche più prestigiose per quanto riguarda gli atenei a livello internazionale, dà buone – caute – notizie per il sistema universitario italiano. Con atenei che rimangono lontani dalla vetta, ma crescono generalmente. Non a livelli di altri Paesi, che però investono una parte molto maggiore del loro PIL sul sistema universitario.

Ecco la classifica italiana dei primi dieci atenei.

Da segnalare la crescita dell’ateneo patavino: passato in pochi anni dal 338 al 234 posto. Un aumento di oltre cento posizioni. Anche quest’anno il QS World University World Ranking premia l’Università di Padova – afferma Rosario Rizzuto, Rettore dell’Università di Padova –. Un buon risultato che conferma il trend di crescita, quello che ci ha visti risalire di oltre cento posizioni in quattro anni, posizionandoci nel top 25% degli atenei mondiali e fra i primi cento europei. Continueremo a lavorare per soddisfare sempre meglio i parametri di una classifica che viene seguita da studenti e atenei internazionali per definire mete di studio e partnership. Dopo l’ottima valutazione ottenuta “in casa”, con la qualità d’ateneo certificata dal voto eccellente dell’Anvur, frutto di una profonda e dettagliata analisi, continuiamo a crescere anche sullo scenario internazionale, in particolar modo in una classifica con indicatori che tradizionalmente non premiano gli atenei italiani».