Fintech, una task force per innovare le banche italiane

Notte di San Lorenzo: dalle Dolomiti all’Etna, dove guardare le stelle cadenti
10 agosto 2018
mcdonalds
McDonald’s crea la sua valuta per i 50 anni del Big Mac
14 agosto 2018

Identificare e promuovere azioni che possano accelerare l’innovazione tecnologica nel settore finanziario. Costituire e abilitare un forum di confronto con tutti gli attori dell’ecosistema bancario, approfondire con un osservatorio dedicato tutte le principali innovazioni internazionali. Sono questi gli obiettivi di Tfi, la Task force Fintech Innovation appena lanciata da AbiLab, il laboratorio tecnologico dell’Associazione Bancaria Italiana. Uno «strumento» sempre più necessario nel panorama bancario italiano visti gli sviluppi del settore e le dinamiche dei rapporti con il quadro internazionale degli istituti di credito. In Italia infatti più di 6 banche su 10 lavorano in una logica di partnership con aziende fintech e le prospettive sono quindi sempre più europee. La spesa in Information and Communications Technology (Ict) per il settore bancario ha raggiunto i 4,75 miliardi di euro. E dall’ultima indagine di Abi Lab sulle priorità di investimento, il budget Ict per il 2018 è in aumento, rispetto allo scorso anno, per circa il 60% delle realtà intervistate, mentre nel 27% dei casi si mantiene costante.

Task force per azioni mirate

«È necessario sviluppare specifiche azioni in ambito italiano che promuovano l’innovazione in modo sinergico a quanto viene definito in Europa» scrive Abi in una nota. E specifica: «Nel nuovo quadro normativo, occorre ridurre il rischio di incorrere in arbitraggi normativi tra nazioni, senza però generare inutili e controproducenti restrizioni all’innovazione. Nelle banche è forte l’attenzione al ruolo delle funzioni di compliance per garantire l’aderenza di tutte le innovazioni generate dall’organizzazione rispetto al quadro normativo vigente». Per consentire dunque un’accelerazione dell’innovazione in banca è sempre più decisivo un dialogo efficace tra banca, fintech e Autorità competenti. Ecco dunque la task force che lavorerà oltre che con gli istituti di credito anche assieme ad associazioni categoria, innovazione hub e acceleratori.