Stefano Firpo lascia il Mise: è il nuovo dg di Mediocredito Italiano

EdTechXEurope, semifinale a Bologna: la startup migliore vola a Londra
6 maggio 2019
Assicurazioni: HDI sottoscrive il fondo Barcamper Ventures
8 maggio 2019

Stefano Firpo la lasciato il posto di direttore generale per la Politica industiale del Mise, il ministero dello Sviluppo economico, ed è stato assunto dal gruppo Intesa Sanpaolo, in qualità di nuovo direttore generale di Mediocredito Italiano.

Firpo ha lasciato il suo ruolo al ministero il 2 maggio 2019, dopo aver presentato le dimissioni in febbraio. Al momento non ha ancora un sostituto, e all’orizzonte ci sarebbe una gestione «ad interim» con una figura interna al ministero.

Al Mise era entrato nel 2012, quando fu nominato dall’allora ministro Corrado Passera coordinatore della task force per l’innovazione, che ha portato all’elaborazione della legge sulle startup innovative, di cui è considerato uno dei “padri”. Negli anni successivi ha seguito dossier centrali come il Piano Industria 4.0. Tra i suoi ultimi atti ci sono i decreti per l’avvio dei competence center, i poli per il trasferimento tecnologico previsti da quel piano.

«Intesa Sanpaolo rafforza la struttura dedicata alle imprese con un fatturato fino ai 350 milioni di euro: da oggi Stefano Firpo è il nuovo direttore generale di Mediocredito Italiano» si legge in una nota del gruppo bancario. «Stefano Firpo proviene dal ministero dello Sviluppo Economico – dove ricopriva l’incarico di Direttore Generale – e opererà sotto la supervisione di Teresio Testa, responsabile della Direzione Sales&Marketing Imprese, nella divisione Banca dei Territori guidata da Stefano Barrese, con il compito di sviluppare le iniziative e le proposte della Banca nel campo dei finanziamenti a Medio Lungo Termine, del Leasing, del Factoring e del Credito Agevolato».

«Stefano Firpo porterà un rilevante contributo nelle iniziative della Banca a favore di un pilastro della nostra economia: un sistema imprenditoriale tra i più competitivi a livello internazionale – afferma Stefano Barrese, responsabile della divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo -. Vogliamo sostenere questo sistema affinché sia in grado di realizzare al meglio i progetti di crescita dimensionale, di espansione su nuovi mercati e di rafforzamento patrimoniale per investire nel campo del digitale e della formazione. Le aziende trovano in Intesa Sanpaolo il partner ideale: offriamo la rete più capillare nel Paese e, allo stesso tempo, un network internazionale di dimensioni globali».

Foto: Stefano Firpo, via www.theinnovationgroup.it