Startup innovative, superata quota 10mila. Ma ancora troppo poche quelle «in rosa»

UniCredit Start Lab, la Lombardia fa (quasi) il pieno
29 luglio 2019
Il fondo nazionale sull’innovazione arriva in Gazzetta ufficiale
31 luglio 2019

Sono piccole e – come normale, visto la loro natura – vanno più facilmente incontro a perdite rispetto alle altre aziende. Ma soprattutto, sono tante: più di 10mila. Stiamo parlando delle startup innovative censite dal rapporto di metà anno. Al 30 giugno 2019 se ne contano 10.426, il 2,8% di tutte le società di capitali di recente costituzione. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, la Lombardia ospita poco più di un quarto di tutte le startup italiane (25,5%). La sola provincia di Milano, con 1.860, rappresenta il 17,8% della popolazione, più di qualsiasi altra regione: solo il Lazio supera quota mille, in gran parte localizzate a Roma (1.012, 10% nazionale). Tuttavia, la regione con la maggiore densità di imprese innovative è il Trentino-Alto Adige, dove il 5,5% di tutte le società costituite negli ultimi 5 anni è una startup.

Le startup innovative impiegano complessivamente 60mila persone, almeno 45mila delle quali sono soci di capitale dell’azienda. Elevata la rappresentazione di imprese fondate da under-35 (circa il 20% del totale), mentre risultano sottorappresentate le imprese femminili: 13,5%, contro un 22% registrato nel complesso delle società di capitali. A livello di fatturato, le startup innovative sono soprattutto micro-imprese, registrando un valore della produzione medio inferiore ai 150mila euro. Ciò è anche dovuto al ricambio costante cui è soggetta questa popolazione: per definizione, le imprese “best-performer”, più consolidate per età e fatturato, tendono progressivamente a perdere lo status di startup innovativa. Per quanto riguarda investimenti e redditività: come fisiologico, le startup innovative mostrano un’incidenza più elevata della media di società in perdita (55% contro 34% complessivo). Tuttavia, le società in utile mostrano valori particolarmente positivi in termini di redditività (ROI, ROE) e valore aggiunto.