Notte di San Lorenzo: dalle Dolomiti all’Etna, dove guardare le stelle cadenti

Premium Chess Mobile
Scacchi, arriva la app con l’algoritmo che impedisce di barare
9 agosto 2018
Fintech, una task force per innovare le banche italiane
13 agosto 2018

La notte di San Lorenzo è quel giorno dell’anno in cui tutti, alzando il naso verso il cielo, si sentono un po’ astronomi e scrutatori dell’Universo. Il 10 agosto e i giorni successivi non serve essere astrofisici scopritori dei segreti dei neutrini cosmici per godere della vista di un cielo più stellato del solito, e da cui molti astri “cadono” lasciandoci lo spazio per esprimere un desiderio, o anche solo per restare a bocca aperta.

Quello che non può mancare, però, è la scelta del posto giusto: un luogo libero, per quanto possibile, dall’inquinamento luminoso. Ecco una piccola selezione di luoghi, osservatori astronomici o semplici rifugi di montagna o di collina, da cui poter ammirare lo spettacolo del cielo.

Roma. Per i romani i luoghi suggestivi in città non mancano, ma per sfuggire alla cappa di luce della metropoli conviene spostarsi un po’ più a nord: l’Osservatorio astronomico del Monte Rufeno (Acquapendente, Viterbo), non lontano dal Lago di Bolsena, propone dal 10 al 13 agosto “Polvere di stelle” con osservazioni notturne al telescopio e al microscopio.

Milano. Per chi resta in città, il Planetario Ulrico Hoepli di Milano venerdì 10 agosto propone “Desideri tra le stelle: un viaggio alla scoperta del cielo”, con biglietti sono disponibili ad un costo di 5 euro (ridotto 3 euro).

Etna. Sul vulcano più alto della Sicilia non potevano mancare eventi ad hoc nelle notti più stellate. I telescopi del Gruppo Astrofili Catanesi saranno a disposizione del pubblico per l’osservazione dei pianeti Marte, Giove e Saturno, al Rifugio Citelli sull’Etna e nel Comune di Maletto gratuitamente e senza prenotazione, e a Trecastagni, con prenotazione, in una cantina vitivinicola.

Dolomiti. In Val d’Ega (Bolzano) l’Osservatorio Max Valier propone sabato 11 agosto una serata di porte aperte per l’osservazione del cielo stellato, dalle 20.30 alle 24. Non serve prenotazione.

Puglia. Nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia, l’altopiano carsico in provincia di Bari, la Società astronomica pugliese propone il suo sesto campus estivo di astronomia. Osservazioni ad alta quota a Cassano e Ruvo di Puglia.

Torino. Al Parco di Stupinigi si osserva lo spettacolo delle perseidi il 10 agosto con i telescopi messi a disposizione dal Circolo Pinerolese Astrofili Polaris. Munirsi di scarpe comode e sacco a pelo.

Modena. A Disvetro, in provincia di Modena, l’osservatorio astronomico apre la sera del 10 agosto dopo il successo di pubblico dell’eclissi lunare del 27 luglio.

Gran Sasso. In Abruzzo protagonista il Gran Sasso con i “Weekend di stelle”, a Montorio al Vomano (Teramo). Sabato 11 agosto si osservano le stelle con il gruppo Astronomitaly.