Need Next: al Politecnico di Bari si progetta la finestra del futuro

Sfscon, al festival del software libero 100 incontri e hacker (buoni)
22 ottobre 2019
ScaleIT chiude la quinta edizione con 14 scaleup e 32 investitori
25 ottobre 2019

Porte e finestre del futuro: sono l’oggetto su cui si eserciteranno oltre 70 innovatori tra ingegneri, developer, designer, esperti di marketing, nel corso di “Need Next”, una maratona di innovazione che dal 25 al 27 ottobre 2019 al Politecnico di Bari. L’appuntamento è promosso da Master Italy, azienda di Conversano leader globale nei serramenti.

I giovani innovatori saranno supportati in questo hackathon di 24 ore non stop da mentor guidati da Alberto Mattiello, head of Future Thinking di Wunderman Thompsone. I progetti saranno giudicati da una giuria d’eccellenza: Sergio Fontana, presidente di Confindustria Bari e BAT; Michele Loperfido, CEO Master Italy; Mariarita Costanza, cofounder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Antonello Garzoni, preside della Facoltà di Economia della LUM; Fabio Biccari, digital transformation manager dell’Associazione Pugliesi a Milano.

«Need Next – spiega Lorenzo Lafronza, Technical and Marketing Chief Officer di Master Italy – partendo dagli attuali scenari, propone a tutti i partecipanti una sfida per individuare i bisogni che finestre e porte, le componenti più “sotto stress” dell’edilizia moderna, dovranno soddisfare nel prossimo futuro. Le finestre, infatti, sono fondamentali per il benessere quotidiano di individui e famiglie, perché da un lato devono proteggerci dalle intrusioni esterne (luce, temperatura, agenti atmosferici); dall’altra sono gli elementi fondamentali per costruire il comfort all’interno degli ambienti che vogliamo vivere».

 

I tre team vincitori, oltre a un premio in denaro – tremila al primo e duemila al secondo classificato -, avranno l’opportunità di accedere all’open project, un programma di incubazione di sei mesi offerto da MasterLab, da svolgersi all’interno della sede di Conversano. L’azienda pugliese è presente in 58 paesi del mondo con il 54% di fatturato export e 270 dipendenti.