Matera 2019, la capitale europea della cultura avrà un hub dell’innovazione

B Heroes, ecco le 20 startup finaliste. Andranno in onda su Sky Uno
17 gennaio 2019
Data Driven Innovation, la conferenza di Roma sui dati cerca speaker
21 gennaio 2019

L’anno di Matera 2019, porterà turismo e cultura ma anche tecnologia. E lascerà in dote alla città lucana, dove il 19 gennaio si inaugura ufficialmente il programma della Capitale europea della cultura, un Hub per la ricerca e l’innovazione tecnologica dedicato alle aziende innovative e alla ricerca.

Sono in via di ultimazione i lavori che porteranno ad aprire il nuovo centro nell’ex ospedale San Rocco, a ridosso dei celebri Sassi, negli spazi che ora ospita l’Università della Basilicata. Una ventata innovativa che si coniuga con la sperimentazione della rete 5G già in atto nella città lucana e a Bari, rendendo l’area attraente per le società innovative.

Il nuovo centro ospiterà startup innovative, per selezionare le quali nel marzo 2018 il comune di Matera ha lanciato un bando. I soggetti candidati dovranno essere legati agli ambiti delle industrie culturali e creative strettamente connesse con tecnologie digitali, della produzione cinematografica digitale, delle telecomunicazioni, dell’ICT, dell’agricoltura di precisione, della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, delle tecnologie per l’efficienza energetica e per il monitoraggio ambientale, delle smart cities di ogni altra attività che abbia attinenza diretta con la ricerca di base, la ricerca industriale e l’innovazione tecnologica.

Tra i primi ad aderire alla proposta c’è il Cnr, che nell’Hub tecnologico insedierà un polo del nodo italiano della flagship sulle tecnologie quantistiche e del nodo strategico del ‘Digital research infrastructure for art and humanities’ (Dariah), un’infrastruttura europea per gli studenti di arti e materie umanistiche che lavorano con metodi computazionali, che supporta la ricerca digitale e l’insegnamento di metodi di ricerca digitali.