Funivie urbane, Leitner raddoppia a Mexico City

Rentmas, arriva lo sharing nei cantieri: gru, escavatori e carrelli a portata di clic
6 marzo 2020
Solidarietà Digitale: multinazionali e aziende in campo per smart working e svago a casa
10 marzo 2020

Lunga più di dieci chilometri, in grado di trasportare 50mila persone al giorno, contribuirà a rendere più sicuro uno dei quartieri più difficili della metropoli. È la nuova funivia urbana di Città del Messico che Leitner ropeways ha iniziato a realizzare nelle scorse settimane e che sarà pronta nella primavera del 2021: complessivi 150 milioni di investimento per un’opera all’avanguardia. Sia da un punto di vista della mobilità che per gli aspetti sociali che ne conseguono.

La prima cabinovia della città messicana è stata inaugurata nel 2016, nel quartiere Ecatepec de Morelos, nel nord ella metropoli. E ora, a soli quattro anni di distanza, Leitner ropeways, inizia a costruire la sua seconda opera. Questa volta nel quartiere di Iztapalapa, nella parte orientale della città. Una funivia di quasi undici chilometri che offrirà ai pendolari un collegamento migliore e soprattutto più sicuro con le stazioni della metropolitana. Oltre all’obiettivo di aumentare in modo significativo l’efficienza del sistema di trasporto pubblico esistente, la funivia nel quartiere di Iztapalapa ha anche lo scopo di garantire una maggiore sicurezza. Il quartiere infatti, con i suoi 1,8 milioni di abitanti, è ancora caratterizzato da un alto tasso di criminalità e da una grande povertà. E proprio questi fattori, assieme alle ideali condizioni topografiche, ai piedi del Cerro de la Estrella, hanno indotto il governo cittadino a puntare sulla mobilità funiviaria.

La funivia a partire dal 2021 permetterà agli abitanti di Iztapalapa di raggiungere la rete di trasporto pubblico esistente in modo sicuro e veloce. Il nuovo sistema funiviario denominato «Cablebús 2» trasporterà con le sue 300 cabine, da 10 posti ciascuna, circa 50mila passeggeri al giorno – su una distanza totale di 10,6 chilometri passando per sette stazioni e coprendo il tragitto in 40 minuti, rispetto ai 73 minuti che ci volevano precedentemente con i mezzi di trasporto pubblico e privato esistenti. I terminal delle due linee funiviarie interconnesse saranno collegati alla linea 8 della metropolitana alla stazione «Constituciòn de 1917» e alla linea A della metropolitana alla stazione «Santa Martha». La nuova opera contribuirà quindi a diminuire il numero di auto in circolazione, offrendo un’alternativa affidabile e indipendente dal traffico spesso frenetico sulle strade della regione.

I lavori dureranno poco più di un anno: iniziati ad inizio 2020, saranno completati entro la primavera del 2021. La città sta investendo un totale di 150 milioni di euro nella realizzazione di questa infrastruttura, che non sarà utile solo da un punto di vista della mobilità come ribadisce il sindaco della capitale messicana, Claudia Sheinbaum. «Il Cablebús non è solo un importante progetto di mobilità, ma anche un progetto dalla forte valenza sociale – commenta il primo cittadino -, creando un’opportunità di spostamento rapido e conveniente per le persone che vivono in questo quartiere. In questo modo portiamo questo mezzo di trasporto sostenibile ed affidabile proprio nei luoghi dove attualmente esistono le infrastrutture meno funzionanti».