Al via il marketplace di Italia Startup, la piazza virtuale dell’innovazione

Nove in finale per l’Italian Patent Competition. Si contendono 250mila euro
16 febbraio 2018
Bruce Sterling. Foto: Pablo Balbontin Arenas - Photo by Pablo Balbontin Arenas, published under a GNU Free Documentation License.
“Smart City? Una parola vuota”. Bruce Sterling smonta i luoghi comuni dell’innovazione
19 febbraio 2018

Al via il marketplace dell’associazione Italia Startup: si tratta del primo progetto italiano per far incrociare  domanda e offerta di innovazione con le startup al centro. In sostanza si tratta di un a vetrina: un portale, consultabile a questo link, che fornisce un servizio strutturato per l’esposizione di servizi e prodotti e consente l’attivazione di contatti, dando anche la possibilità di finalizzare le transazioni online. La piattaforma conta 20 startup già attive e altre 50 in fase di attivazione, con 10 aziende sponsor tra cui Oracle, KPMG, OVH e TWT.

Federico Barilli

Federico Barilli

La piattaforma ha l’obiettivo di aiutare le startup italiane ad accelerare il proprio accesso al mercato tramite un nuovo canale di contatto e di vendita, offrendo un’opportunità concreta di test e vendita di prodotti e di servizi, tra loro e verso imprese consolidate. Si rivolge in particolare alle startup B2B, consentendo di mettere in vetrina in modo dettagliato i propri prodotti e servizi e di attivare contatti e transazioni direttamente online. Il networking che si attiva sul portale trova un’ulteriore opportunità negli incontri ed eventi offline che vengono organizzati ad hoc per tutte le aziende presenti sulla piattaforma.

«Ci fa piacere annunciare l’avvio di questo progetto che è a disposizione degli Associati e di tutto l’ecosistema dell’innovazione italiano – commenta Federico Barilli, segretario generale Italia Startup –. È un servizio di valore concreto per le startup, ospiti del portale in modalità gratuita nelle sua fase di test fino a giugno 2018 e anche per le aziende che hanno creduto nel progetto e che lo sostengono con convinzione. Consolidare l’approccio al mercato da parte delle startup, aiutando specularmente le aziende a offrire prodotti e servizi di valore per l’ecosistema startup, attiva un circolo virtuoso di contatti e di transazioni, a beneficio dell’innovazione del sistema industriale italiano».