In Italia 7.700 nuovi robot in un anno: cresce più di Giappone, Usa e Germania

Calcio e marketing: Zerogrado for Sports fa parlare sul web tifosi e campioni
29 agosto 2018
Sede Confindustria (Imagoeconomica)
Premio Imprese x Innovazione di Confindustria, al via le iscrizioni
31 agosto 2018

In Italia sono stati installati 7.700 nuovi robot industriali nel corso del 2017, una «popolazione» che ha registrato un incremento notevole: +19%, un tasso di crescita più alto di quello del Giappone, doppio rispetto a quello tedesco, triplo a confronto con gli Usa. Il focus sull’automazione industriale è frutto di uno studio dell’Ifr, International federation of robotics, che ha stimato le vendite dell’automazione a livello globale nel corso del 2017.

I dati, riportati dal Sole 24 Ore, dicono che a livello globale l’incremento delle installazioni è stato da record, con un +31% che si traduce in 387 mila robot, l’aumento percentuale annuo più elevato degli ultimi 5 anni. Il mercato globale dei robot industriali vale circa 50 miliardi di euro, secondo la federazione internazionale della robotica.

A trainare il settore è l’eccezionale crescita asiatica, e in particolare cinese. Il gigante dell’estremo oriente ha registrato un balzo del 58% in dodici mesi, assorbendo oltre un terzo dell’incremento globale: ben 138 mila installazioni. Segue al secondo posto il Giappone con 46 mila nuove unità installate (+18%), al terzo posto in numeri assoluti c’è la Corea del Sud, al quarto gli Stati Uniti (33 mila nuovi robot) e al quinto la Germania (22 mila nuove unità).

La buona notizia per l’Italia – che si classifica all’ottavo posto mondiale per numero di nuove installazioni superata dal boom del Vietnam – è che il tasso di crescita rispetto all’anno precedente, il 19%, indica uno scatto deciso in avanti. Che in prospettiva potrebbe portarci a scalare nuove posizioni. L’incremento annuo è infatti più alto di quello giapponese, doppio rispetto a quello tedesco (+8%), triplo rispetto a quello registrato negli Usa (+6%).