G-Factor, il nuovo incubatore per le scienze della vita dell’Opificio Golinelli

«The startup Lab», formazione gratuita per 200 futuri imprenditori
10 settembre 2018
Maker Faire Rome
Maker Faire Rome 2018, al via il 12 ottobre. Focus su economia circolare
13 settembre 2018

Cinquemila metri quadri dedicati a un incubatore-acceleratore per startup del settore life sciences: aprirà nei primi mesi del 2019 G-Factor, la nuova ala dell’Opificio Golinelli di Bologna, l’iniziativa voluta dall’imprenditore-filantropo Marino Golinelli che ha trasformato l’ex fabbrica di ascensori Sabiem in una cittadella dedicata alla ricerca e all’educazione in ambito scientifico. Il cantiere è in corso, per trasformare in realtà il progetto firmato dagli architetti bolognesi di Diverserighestudio.

Ma intanto il primo bando è già stato pubblicato: la Call for Ideas & Start-up First Edition 2018 Life Science Innovation si rivolge a nuove imprese del settore delle scienze della vita: pharma e biotech, medtech, nutraceutica, bioinformatica e bioingegneria. A disposizione ci sono risorse per 1 milione di euro, di cui 750 mila euro erogati in denaro e altri 250 mila in servizi tramite G-Factor, la nuova società controllata al 100% dalla Fondazione Golinelli dedicata all’avvio di nuove realtà imprenditoriali. Saranno selezionate 10 idee di impresa, che avranno a disposizione 9 mesi di programma di accompagnamento.

Andrea Zanotti

Le candidature dovranno pervenire entro l’11 dicembre e la loro valutazione è affidata a una commissione composta da esponenti di rilievo nei settori dell’innovazione, della ricerca e business.

La lista dei progetti selezionati sarà resa pubblica in occasione dell’evento inaugurale del nuovo padiglione che ospiterà l’Incubatore-Acceleratore G-Factor previsto per inizio 2019.

Ulteriori informazioni per partecipare si trovano a questo link.

«Si concretizza nell’incubatore – dichiara il presidente di Fondazione Golinelli Andrea Zanotti – l’idea di futuro in cui non ci sarà più posto per una frammentazione tra la parte ideativa, sperimentale e produttiva poiché i luoghi della conoscenza, della sperimentazione e della produzione dovranno necessariamente integrarsi per riuscire a far fronte alla velocità del progresso nel quale oggi siamo immersi».

Di seguito alcuni rendering della nuova sede di G-Factor.