Il fondo nazionale sull’innovazione arriva in Gazzetta ufficiale

Startup innovative, superata quota 10mila. Ma ancora troppo poche quelle «in rosa»
30 luglio 2019
Con Fs Technology le Ferrovie puntano sull’innovazione
1 agosto 2019

Un miliardo di euro per startup e Pmi: cercavamo il fondo nazionale sull’innovazione (ricordate? si era perso fra una serie di annunci e cavilli burocratici) e, a distanza di due settimane, è arrivata l’agognata pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo più volte annunciato dal ministro per lo Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Un testo che coinvolge, come ricordato nell’incipit, anche il ministro dell’Economia Giovanni Tria e il ministro per il Sud Barbara Lezzi. Abbiamo anticipato la dotazione finanziaria, gestita da Cassa Depositi e Prestiti. A darne notizia per primo il Corriere Comunicazioni. Secondo le norme, gli investimenti delle risorse del Fondo di sostegno al venture capital negli organismi di investimento collettivo del risparmio devono essere effettuati dal Mise nel rispetto delle condizioni previste dal “test dell’operatore in una economia di mercato”. I fondi per il venture capital in cui può investire lo Stato, a loro volta, devono investire esclusivamente nel capitale di rischio di Pmi con elevato potenziale e non quotate che si trovino in fase di sperimentazione, di costituzione , di avvio attività o di sviluppo di prodotto.

«Con il decreto che dà il via formale al Fondo Nazionale Innovazione – commenta Angelo Coletta, Presidente di Italia Startup – si completa il quadro dei quattro provvedimenti attuativi più rilevanti, contenuti in legge di Bilancio, che riguardano gli investimenti in startup/pmi innovative: Fondo Nazionale Innovazione, sgravi fiscali al 40%, voucher relativo all’innovation manager e Società di Investimento Semplice. Come Associazione siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto, consapevoli di aver dato un contributo importante alla definizione del quadro normativo, ora completato. È un passo decisivo e concreto perchè anche l’Italia diventi – grazie alle condizioni normative, finanziarie e industriali – un’innovation nation»