Fondo Itatech, Padoan: sì ai gestori esteri, ma il 90% va investito in Italia

B Heroes
B Heroes, il bando (da mezzo milione) diventa un talent show
25 ottobre 2017
digitalizzazione digitale computer
Voucher digitalizzazione Pmi, domande online dal 30 gennaio
27 ottobre 2017

Il nuovo fondo d’investimento pubblico Itatech, creato da Cassa depositi e prestiti (Cdp) e Fondo europeo per gli investimenti (Fei) per sostenere il trasferimento tecnologico con 200 milioni di euro di capitali, è finito al centro del dibattito.

Pier Carlo Padoan

Ed è arrivato anche in Parlamento, dove ieri mercoledì 25 ottobre il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, rispondendo a un’interrogazione del deputato Antonio Palmieri, ha confermato che «i gestori dei fondi di trasferimento tecnologico potranno essere italiani o europei» aggiungendo però che «l’accordo prevede che almeno il 90% del capitale sia investito in Italia».

Lo riporta EconomyUp, che aveva per primo lanciato il sasso nello stagno con un intervento a firma di Giovanni Iozzia pubblicato il 12 ottobre, ripreso oggi anche su Corriere Innovazione da un editoriale di Nicola Saldutti e Massimo Sideri.

Iozzia ha calcolato che il Fondo Italiano d’Investimento, altro fondo a trazione pubblica creato nel 2010 da Cdp e una cordata di banche, dal 2012 ad oggi ha affidato 35 milioni di euro a Sofinnova Partners, fondo di venture capital francese. Di quei milioni, però, in startup italiane ne sarebbero stati investiti soltanto 6.