Fondi Horizon 2020, primato delle Pmi italiane nella seconda call

Festival dell'Economia 2018
Robot, bitcoin e il Nobel Michael Spence: al via il Festival Economia
30 maggio 2018
App economy, a Bologna la prima carta dei diritti dei rider (ma senza i big)
1 giugno 2018

Commissione europeaÈ un successo italiano la seconda call per la distribuzione dei fondi del bando Horizon 2020 dell’Unione Europea. Infatti, come segnala Il Sole 24 Ore del 31 maggio a pagina 14, le piccole e medie imprese italiane sono davanti a tutti nella selezione, l’ultima della “Fase 2” del più importante programma della Commissione Europea che finanzia la ricerca e l’innovazione nelle imprese.

La “call” precedente, in febbraio, era la prima con i nuovi metodi di selezione che prevedono oltre a una proposta scritta anche un incontro diretto fra i proponenti e i selezionatori. La “prima” non aveva portato bene all’Italia, con solo 2 aziende selezionate finanziate su 57. Bocciato l’82% dei progetti italiani, contro una media globale del 54%.

Alla seconda occasione, con la nuova “call”, le cose sono andate decisamente meglio: sono ben 9 le aziende italiane premiate dai selezionatori, su 65 premiate in tutta Europa. In tutto le Pmi italiane raccolgono 12 milioni di euro. E l’Italia è il primo Paese per numero di progetti finanziati: Francia e Germania hanno 5 aziende selezionate ciascuna, la Spagna 7.

Segno probabilmente di una preparazione decisamente migliore da parte delle Pmi italiane che si sono presentate ai selezionatori di Bruxelles più “ferrati”, anche dal punto di vista linguistico, visto che i colloqui introdotto dalle nuove regole si svolgono in inglese.