European Startup Prize for mobility, il bando pubblico-privato per la mobilità

Smart&Start, in 2 anni il programma del Mise ha erogato solo il 5%
20 dicembre 2017
Bitcoin e criptovalute: il ranking 2017 e la cautela di Bankitalia
3 gennaio 2018

European Startup Prize for mobilityArriva dall’Europa un nuovo bando per le startup che si occupano di mobilità sostenibile. La formula di European Startup Prize for mobility, come racconta Giulia Cimpanelli sul Corriere Innovazione, è piuttosto inusuale: un mix fra pubblico e privato, che su scala continentale si traduce in un bando che ha fra il patrocinio del Parlamento Europeo, della Commissione e del gruppo dei Verdi.

Ha per “sponsor” il commissario europeo per i trasporti Violeta Bulc e il fondatore di BlaBlaCar Frédéric Mazzella, e fra i giurati il deputato ecologista e presidente della commissione trasporti del Parlamento Europeo Karima Delli, Jöel Hazan di Boston Consulting Group.

Gli obiettivi? «Aiutare le startup a conquistare il mercato europeo della mobilità» si legge nel sito dell’iniziativa. Le prime 10 startup selezionate otterranno «visibilità senza precedenti» con un tour in 5 capitali europee per incontrare potenziali clienti, investitori, acceleratori di business e partner locali.

Inoltre la giuria sceglierà 4 finalisti durante la cerimonia di premiazione, il 22 febbraio 2018 a Bruxelles, che riceveranno per 4 mesi di affiancamento e coaching legale. Le iscrizioni sono aperte fino all’8 gennaio 2018. Tutte le info sul sito www.startupprize.eu.