Equity crowdfunding, la prima exit italiana è per un resort a Jesolo

Osterie «digital» e «Village» dell’innovazione: la lenta marcia del food verso il futuro
31 ottobre 2018
things mobile
Things Mobile, la sim dell’IoT parla italiano
7 novembre 2018

La prima “exit” dell’equity crowdfunding italiano è nel settore immobiliare. Il progetto “Jesolo Baia Blu”, promosso dalla società Mak Invest sulla piattaforma Walliance, ha raggiunto il suo obiettivo, e il 31 ottobre 2018 la società costruttrice ha inviato i bonifici ai sottoscrittori dell’investimento immobiliare, per la restituzione del capitale e l’erogazione del rendimento realizzato, così come previsto al momento della sottoscrizione.

Sono stati raccolti quasi 800 mila euro da 92 investitori attraverso il veicolo societario Baia Blu Capital, nella seconda raccolta fondi lanciata dalla società immobiliare a maggio 2018. Un progetto che prevedeva la realizzazione di un resort di 35 appartamenti distribuiti su 5 edifici, costruito integralmente in soli 6 mesi, nella località balneare della provincia di Venezia. Il co-investimento per un valore nominale complessivo di 760 mila 600 euro è stato integralmente rimborsato oltre al rendimento generato dell’operazione pari ad un ROI annualizzato del 12,24% lordo.

La norma prevede peraltro che sul capital gain generato da tale investimento, venga trattenuta alla fonte l’imposta sostitutiva pari al 26% e che i proventi non verranno quindi indicati, in sede di dichiarazione dei redditi, dagli investitori.