Con Barça Ventures il Barcellona cerca 120 milioni di euro

Bando per 358 sviluppatori alla Apple Developer Academy di Napoli
23 maggio 2019
Da Arianna Fontana a Dan Peterson, a TEDxPadova in scena la rinascita
27 maggio 2019

La società sportiva del Barcellona ha lanciato Barça Ventures, un fondo di investimento che mira a raccogliere 120 milioni di euro per startup che si occupano di sonno, alimentazione e monitoraggio di prestazioni sportive.

Il club non metterà direttamente a disposizione capitale per questo fondo, ma gestirà i contributi che arriveranno da investitori internazionali. Il suo ruolo sarà quello di un “laboratorio” in cui testare le soluzioni innovative.

Le “cavie” saranno i 2800 atleti della Cantera, il settore giovanile del Barcellona, divisi nei cinque sport di cui il club si occupa, tra cui pallacanestro e pallamano. L’obiettivo è raccogliere la somma prevista in un paio di anni e investire in startup che consentano miglioramenti nei tre ambiti in cui il club vuole specializzarsi.

Barça Ventures è stato presentato per la prima volta negli Stati Uniti, dove si sono tenuti gli incontri con gli investitori della Silicon Valley e dove il club ha già firmato accordi accademici con università come il Mit e Yale. È la prima volta che una squadra di calcio mira a diventare il gestore di un fondo.

Il progetto dovrebbe permettere al club di ottenere maggiore profitto dal nuovo Barca Innovation Hub, ecosistema creato nel 2017 per riunire tutte le conoscenze del club da quelle sportive al marketing. Tra le diverse collaborazioni passate del club c’è quella con Gatorade, con cui ha creato bottiglie speciali dotate di bluetooth in grado di controllare l’idratazione dei giocatori, e quella con Realtrack Systems per creare dei gilet che consentono di raccogliere 20mila dati al secondo per ciascun giocatore.

Foto: il Camp Nou di Barcellona, di Luis Miguel Bugallo Sánchez (Lmbuga)Opera propria, CC BY-SA 3.0, via Wikipedia