Factchecking e data journalism: Agi diventa la prima agenzia hi-tech

testa o croce monetina
Ema, Amsterdam batte Milano (al sorteggio). Cosa imparare dalla sconfitta
21 novembre 2017
Carlo Robiglio
Carlo Robiglio alla guida di Piccola industria di Confindustria
23 novembre 2017

agiAgi, storico player italiano dell’informazione, volta pagina. Da agenzia di stampa tradizionale si trasforma nella prima agenzia italiana mobile first per giornalisti e utenti. La promessa è quella di coniugare innovazione e velocità con le regole deontologiche ed etiche dell’informazione per rimettere al centro, e alla base di qualsiasi modello di business, il giornalismo. Il nuovo sistema editoriale, Kolumbus, consentirà a tutti i giornalisti di Agi di operare in mobilità e ai clienti e fruitori dell’agenzia di ricevere su app per mobile tutto il notiziario con possibilità di alert personalizzati sulle notizie; la app Agi permetterà loro di editare i testi multimediali da inviare immediatamente alla testata per cui scrivono, consentendo un flusso di lavoro ininterrotto anche in mobilità e, davvero, in tempo reale. Accanto a questa svolta tecnologica Agi da un anno ha intrapreso una svolta editoriale che risponde allo slogan “la verità conta”.

Nascono le reti verticali

Per far ciò, accanto al notiziario tradizionale che è stato rilanciato e rafforzato anche da una serie di reti verticali (Mobilità, Energia, Digitale, Africa, Mediterraneo), Agi ha attivato una serie di partnership con alcune delle realtà più innovative del panorama editoriale: da Pagella Politica a Formicablu, da YouTrend a Next New Media, da Tpi a Dshare e Vista. Con questi partner Agi ha realizzato tanti nuovi prodotti multimediali: dal factchecking ai long form di approfondimento; dal data journalism per trasformare numeri in notizie verificate e verificabili al video journalism, per raccontare e visualizzare fenomeni complessi; dagli eventi live agli ebook, fino ai Quaderni dell’Agenzia Italia in collaborazione con il Censis per indagare la cultura dell’innovazione.

Agi, una nuova divisione business

La seconda notizia è che Agi cresce e innova grazie a una nuova divisione business: AgiFactory la prima factory italiana di brand journalism, storytelling, content creation & publishing, dedicata ad aziende, enti, istituzioni, organizzazioni, Pubblica Amministrazione, a chiunque abbia la necessità di narrare e di narrarsi. Una Factory pronta a ideare e realizzare contenuti data driven di alta qualità, narrazioni transmediali, content strategy, video stories, data visualization, graphic telling, social storytelling. Una factory che mira a diventare il punto di riferimento del mercato unendo la vision e l’innovazione di una nuova divisione con i 60 anni di professionalità nel selezionare e trattare fatti e scovare le notizie, nel verificarli, nel raccontarli che da sempre contraddistinguono Agi. Una factory che vuol essere anche un “hub dell’innovazione e della creatività” con una scuderia di giovani innovatori, designer, grafici, illustratori, videomaker, fotografi, storyteller e copywriter e collaborazioni con le agenzie emergenti StoryFactory, The Visual Agency e True Numbers.